VIVA – La sostenibilità nella viticoltura in Italia

18/11/2013

Il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare ha avviato nel luglio 2011, un progetto nazionale pilota per la misura della performance di sostenibilità della filiera vite-vino, a partire dal calcolo delle impronte dell’acqua e del carbonio con la partecipazione di alcune grandi aziende vitivinicole italiane, Università e enti di ricerca.

condividi
MappaSITA

SITA – Sistema Informativo Tossicologia Ambientale

01/11/2013

SITA, Sistema Informativo Tossicologia Ambientale, è un sistema informativo complesso che Informatica ambientale sta sviluppando per l’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano. Lo scopo principale è aiutare i tecnici a condurre delle campagne di valutazione di inquinamento delle matrici ambientali da sorgenti di vario tipo, sia in maniera predittiva che tramite analisi di campioni.

L’unità di Igiene Industriale ed Ambientale (UIIA) dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano ha richiestoun sistema complesso per la gestione dei dati (ambientali, tossicologici, cartografici ed altro) e le valutazioni su uno specifico territorio.
Lo strumento software realizza un preciso workflow che segue l’implementazione di studi sulla salubrità ambientale che attualmente lo UIIA realizza su porzioni di territorio attraverso vari strumenti informatici non collegati tra loro, spesso con problemi di coerenza e significatività del dato e non conservando le informazioni relative.
Si è quindi proceduto alla realizzazione di una base dati ambientale che contenga informazioni di riferimento sugli inquinanti e sui profili tossicologici, con uno strumento user-friendly per l’inserimento e la modifica delle informazioni. Nell’ambito della valutazione vera e propria, il sistema costruisce un coerente workflow che parte dalla caratterizzazione del problema in esame attraverso l’inserimento di informazione georeferenziata e dati alfanumerici. Il passo successivo è l’impostazione di una campagna di monitoraggio, coadiuvata dall’analisi delle informazioni precedentemente inserite, e la gestione della logistica del monitoraggio stesso.
Il terzo punto è relativo all’acquisizione dei dati di monitoraggio diretti e alla gestione dei dati provenienti dalle analisi di laboratorio.
In aggiunta, un complesso sistema di previsione dell’inquinamento atmosferico attraverso modelli di dispersione deve essere implementato, tenendo conto della mole di informazioni inserita nella caratterizzazione del sito e degli input dei modelli stessi.
Una volta completata l’acquisizione delle informazioni dal monitoraggio e dalle previsioni modellistiche, il sistema agevola la valutazione della salubrità attraverso l’implementazione di un sistema di calcolo “a scenari” in modalità semi automatica.

condividi
LineeGuida

Linee guida per un uso sostenibile dei fitofarmaci

18/07/2013

Informatica ambientale ha realizzato il portale web delle “Linee guida per un uso sostenibile dei fitofarmaci” in collaborazione con diversi partner scientifici, della ricerca e del mondo industriale, dai quali è scaturita l’idea nel 2007.

Informatica ambientale ha realizzato il portale web delle “Linee guida per un uso sostenibile dei fitofarmaci” in collaborazione con diversi partner scientifici, della ricerca e del mondo industriale, dai quali è scaturita l’idea nel 2007.

Il portale si configura come un contenitore che illustra e presenta in maniera facilmente fruibile le linee guida e la documentazione ad esse allegata, ma soprattutto permette, alle aziende che si vogliono registrare gratuitamente, di effettuare una autovalutazione della qualità dell’uso dei fitofarmaci al proprio interno, ricevendo un punteggio e soprattutto alcuni suggerimenti (anche quantitativi) su come migliorarlo.

Le “Linee guida” affrontano principalmente le problematiche relative all’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari nell’ottica di minimizzare i potenziali rischi di contaminazione di tipo puntiforme. Evidenziano contestualmente anche le principali misure atte a salvaguardare la salute e la sicurezza dei lavoratori e degli astanti ma non esauriscono questa complessa problematica che richiede un’analisi specifica a livello di singola azienda agricola.
L’applicazione delle “Linee guida” necessita poi, per molti aspetti, di una contestualizzazione e di una caratterizzazione del territorio nel quale si opera.

Applicativo iPad

Le linee guida sono fruibili gratuitamente via Web attraverso il link sulla destra.

È disponibile anche una app su Apple Store per avere le linee guida sul proprio iPad ed effettuare le valutazioni direttamente in campo.

Sviluppi futuri

Informatica ambientale sta lavorando su ulteriori Linee guida su altri argomenti correlati, le quali confluiranno in un portale delle Linee guida in ambito Agrofarmaci, dal quale ogni azienda potrà ricavare preziose informazioni (e utili autovalutazioni) per migliorare l’utilizzo dei fitofarmaci in diversi contesti, al fine di rispettare l’ambiente ma anche ottimizzare i costi.

Partner

Roberto Bassi, Alfredo Bernard, Fabio Berta
Syngenta Crop Protection S.p.A.
Maura Calliera
Università Cattolica del Sacro Cuore - Istituto di Chimica Agraria ed Ambientale
Ettore Capri
Università Cattolica del Sacro Cuore - Centro di ricerca sull’agricoltura sostenibile OPERA
Tiziano Galassi, Floriano Mazzini, Rossana Rossi
Regione Emilia-Romagna, Servizio Fitosanitario
Pierluigi Meriggi
Horta S.r.l. spin-off dell’ Università Cattolica del Sacro Cuore

Link

Accesso al software
www.agricoltura-responsabile.it
Accesso all'iTunes store per scaricare la app iPad
Available soon!

condividi