SuSAPT1-1024x482

Susap T: Sistema di supporto alle decisioni per la valutazione della vulnerabilità del territorio ai fitofarmaci

19/05/2015

Susap T è un nuovo software per la determinazione a livello territoriale delle aree vulnerabili ai fitofarmaci, identificate prendendo in considerazione i singoli fitofarmaci

Informatica ambientale ha sviluppato Susap T, partendo da una idea originaria di ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste della Regione Lombardia), uno strumento software per la identificazione a scala territoriale delle zone vulnerabili all’uso dei fitofarmaci. Susap T è uno strumento client-server che permette di effettuare simulazioni modellistiche a scala regionale su una serie di poligoni omogenei identificati attraverso l’intersezione di dati vettoriali pedologici, climatici e amministrativi; su ogni poligono omogeneo viene effettuata una simulazione inserendo come dati di input la dose del fitofarmaco e la coltura sulla quale viene applicato, entrambi selezionati dall’utente. Ogni poligono omogeneo è oggetto di una simulazione con i modelli unidimensionali PEARL 4.4.4 e PELMO 3.2 e tra i parametri di output viene identificato l’80° percentile della quantità di fitofarmaco percolata ad un metro dalla superficie del suolo, espressa come concentrazione. I dati così ottenuti vengono classificati e rappresentati su una mappa GIS in formato Shapefile, direttamente inviata all’utente. Da questi dati è possibile desumere quali zone del territorio sono potenzialmente più sensibili ad un determinato fitofarmaco e sulle quali concentrare l’attenzione ad esempio attraverso monitoraggi mirati.

Ora Susap T è su CLOUD! Grazie alla disponibilità delle tecnologie di terze parti in remoto, Informatica ambientale ha elaborato un motore di simulazione completamente nuovo che permette di eseguire i complessi run modellistici su Cloud Microsoft Azure™, drasticamente riducendo i tempi di calcolo.

MS-Azure_rgb_Blk_per sito
MS-SQL-Svr_rgb_Blk_per Sito

Perché è utile SuSAP T?

La nuova direttiva europea sull’uso sostenibile dei fitofarmaci (2009/128/CE) e diverse altre normative a livello nazionale impongono la definizione delle aree in cui deve essere limitato o vietato l’utilizzo dei fitofarmaci. La definizione delle zone a maggior vulnerabilità deve essere però condotta non solo tenendo conto delle caratteristiche intrinseche del territorio, ma anche della specificità del composto chimico che si vuole studiare. Si è passati quindi dal concetto di vulnerabilità intrinseca del territorio a quello di vulnerabilità specifica, intesa come integrazione delle caratteristiche pedologiche, meteorologiche e colturali e delle caratteristiche chimico-fisiche ed ecotossicologiche dello specifico fitofarmaco utilizzato.

A questo scopo l’uso di modelli di destino ambientale può essere di estremo ausilio, in primis perché tutte le caratteristiche sopra citate sono prese in considerazione ed in secundis perché è possibile agire a differenti scale, non ultima quella territoriale qui di interesse.

Modalità di servizio

Susap T è un software rivolto ai soggetti che per obbligo o per ricerca devono proteggere le risorse naturali da un uso non corretto degli agrofarmaci; di contro è uno strumento utile anche alle aziende produttrici perché permette di studiare le vulnerabilità del territorio ai propri prodotti e di conseguenza di meglio adattare la vendita e la stewardship nelle zone sensibili.

Susap T è proposto in una modalità client-server, attualmente fruibile attraverso un applicativo desktop di semplice utilizzo e nel prossimo futuro attraverso un portale Web ad accesso riservato. Il committente acquista la possibilità di effettuare un numero illimitato di simulazioni nel periodo di validità del contratto e per il territorio di interesse, sfruttando un canale di comunicazione. È possibile altresì acquistare più canali di comunicazione per velocizzare le simulazioni.

Sviluppo continuo

Susap T è in costante aggiornamento e nuove importanti funzionalità verranno aggiunte a breve. Nel corso di validità del contratto di servizio, eventuali novità implementative verranno aggiornate gratuitamente.

Le principali sono:

  • l’uso di dati chimico-fisici ed ecotossicologici dei principi attivi da fonti esterne o inseriti dall’utente, con tracciamento delle attività dell’utente;
  • l’accoppiamento, al modello attuale, di ulteriori due modelli FOCUS, Pearl e Macro;
  • la realizzazione di un portale web ad accesso riservato per migliorare l’interazione con gli utenti e mettere a disposizione le novità rapidamente;

Comitato scientifico informale

Carlo Riparbelli
Esperto di problematiche legate al destino dei fitofarmaci dell’Ente Regionale dei Servizi all’Agricoltura e alle Foreste
Antonio Finizio
Ricercatore Confermato in Ecologia del Dipartimento di scienze dell'ambiente e del territorio e di scienze della terra dell’Università di Milano Bicocca
Giovanna Azimonti
Dirigente fisico del Centro Internazionale per gli Antiparassitari e la Prevenzione Sanitaria, Dipartimento di Medicina del Lavoro dell’Università degli Studi di Milano
Antonio Di Guardo
Professore Associato di Ecologia presso il Dipartimento di Scienza ed Alta Tecnologia dell'Università degli Studi dell'Insubria.
Marco Trevisan
Professore Ordinario di Chimica Agraria presso l’Istituto di Chimica Agraria ed Ambientale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

Pubblicazioni

Di Guardo, A., Riparbelli, C., SuSAP T. Un approccio modellistico per la determinazione della vulnerabilità del territorio ai fitofarmaci, VIII convegno Nazionale del Gruppo GIT 17-19 Giugno 2013, Chiavenna
Bozzo S., Uso dei dati di monitoraggio e dei sistemi di supporto alle decisioni per l’analisi del trend di contaminazione spazio-temporale da prodotti fitosanitari nelle acque di falda: applicazione alla regione Lombardia, Tesi di Laurea, 2011

condividi
Zootecnia_1024x677_sito

Studio degli odori emessi in campo agricolo

28/02/2014

Una collaborazione tra Informatica ambientale e AB-Studio permette la nascita di un nuovo servizio: la valutazione con strumenti e processi all’avanguardia della dispersione degli odori da allevamenti ed impianti zootecnici.
La Regione Lombardia ha realizzato un innovativo strumento per la valutazione del disturbo olfattivo di attività civili e produttive: le Linee guida per la caratterizzazione e l’autorizzazione delle emissioni gassose in atmosfera delle attività ad impatto odorigeno.
Tra queste ultime rientrano i settori della zootecnia e le attività connesse come, ad esempio, la produzione di biogas da biomasse. Nuove realizzazioni, ristrutturazioni o modifiche rilevanti devono essere corredate da una valutazione dell’impatto odorigeno che ne potrebbe derivare e da una relazione che riporti eventuali misure di mitigazione per garantire i limiti per non recare disturbo ai residenti più prossimi.
Clicca sull’immagine per accedere ai contenuti del servizio.

condividi
1002597_409116219190040_1659586128_n

ValorE – Sistemi esperti per la valorizzazione dei reflui di allevamento.

12/08/2013

ValorE è un complesso sistema software per la valorizzazione ai fini agronomici dei reflui di allevamento, realizzato da Informatica ambientale e diversi partner istituzionali per la Direzione Agricoltura della Regione Lombardia.

ValorE è composto da due differenti software, a seconda degli utilizzatori e dei loro scopi:

  • il Sistema esperto Aziendale ValorE per orientare/ottimizzare le scelte dell’imprenditore agricolo per la gestione dell’azoto a scala aziendale o comprensoriale, che permette di verificare il beneficio ambientale derivante da diverse scelte tecnologiche, aziendali o consortili, attraverso un’analisi delle performance ambientali, delle ricadute positive in termini di riduzione degli impatti e dei costi
  • il Sistema esperto Territoriale ValorE in grado di rappresentare e confrontare diversi scenari di impatto delle politiche regionali in materia di rilascio e di contenimento dell’azoto (ai sensi della “direttiva nitrati”) e/o sulla valorizzazione degli effluenti di allevamento, in sinergia con l’applicazione di altre Direttive ambientali
Sistema Esperto Aziendale
Il Sistema esperto Aziendale ValorE è un software desktop basato sui risultati scientifici più recenti, elaborato per dare una risposta concreta a chi, nella singola azienda agricola, si occupa della gestione degli effluenti. È possibile ottenerlo accedendo con le proprie credenziali di tecnico agronomo o prroprietario di azienda nel Sistema Informativo Agricolo della Regione Lombardia (SIARL), scaricando contestualmente i dati della propria (o delle prioprie) aziende.

I punti salienti sono:

  • non si devono immettere i dati dell’azienda, il software li scarica direttamente dagli archivi regionali
  • è possibile ottenere rapidamente una valutazione dei costi di investimento e di gestione degli impianti di trattamento che consentono di adeguarsi alla normativa
  • si può analizzare la possibilità di realizzare un impianto di trattamento multiaziendale
  • consente di valutare l’effetto di diverse tecniche per la riduzione delle emissioni e i costi per la loro introduzione
  • aiuta a dimostrare le effettive emissioni dell’ azienda, quando si utilizzano le Migliori Tecniche Disponibili
  • volendo realizzare un impianto di biogas, aiuta a valutare le possibili alternative e calcola l’energia prodotta e il reddito che ne deriva
Sistema Esperto Territoriale
Il Sistema esperto Territoriale ValorE è un sistema web, basato sulle banche dati regionali, per supportare i decisori e i pianificatori nelle scelte territoriali relative alla gestione degli effluenti di allevamento. Fornisce informazioni su qual è la situazione delle aziende agricole su un certo territorio, qual è l’effetto di un incentivo sui carichi di azoto degli allevamenti zootecnici, quali sono le emissioni in aria o verso le acque di una specifica zona. Il sistema territoriale è dedicato a chi si occupa di definire e valutare scelte che hanno impatto sulla collettività e quindi enti amministrativi quali le strutture regionali, le province, i comuni, l’Arpa, le comunità montane, gli enti parco. Un accesso parziale sarà approntato per i tecnici delle organizzazioni di categoria, i centri di assistenza agricola e gli studi professionali, limitatamente alle aziende di relativa competenza.
I punti salienti sono:

  • Consente di ottenere rapidamente informazioni dettagliate sul territorio
  • Si basa sui dati delle singole aziende presenti negli archivi regionali
  • Si possono scegliere interattivamente le elaborazioni che servono. Se non sono quelle previste, si possono costruire in modo personalizzato
  • Si può definire il territorio di interesse direttamente dalla cartografia
  • I risultati sono sintetici, ma si può avere il dettaglio per ogni azienda inclusa nell’elaborazione
  • E’ possibile valutare l’effetto dell’ inserimento di nuove misure o incentivi per la salvaguardia ambientale o per la valorizzazione degli effluenti
  • Le risposte sono basate su modelli di simulazione alimentati con le più recenti conoscenze scientifiche
  • Vengono forniti i costi di investimento per gli adeguamenti a nuove norme (a esempio realizzazione di vasche coperte, deroga, ecc.)
  • Si possono ottenere proiezioni dell’ efficacia delle misure di mitigazione ambientale nel tempo
  • Diversi possibili scenari di intervento sul territorio possono essere memorizzati e confrontati tra di loro

condividi